Ordinanza sui lavori di costruzione 2022

La nuova versione dell'Ordinanza sui lavori di costruzione (OLCostr) entrata in vigore il 1° gennaio 2022. La revisione dell'OLCostr ha ripercussioni su tutto il comparto edile svizzero, con oltre 70 000 aziende interessate. Data l'importanza per le imprese, la campagna annuale "nuova ordinanza sui lavori di costruzione" sarà effettuata per l'anno 2022.

Alcuni dei cambiamenti riguardano le operazioni BATISEC più di altri. Di seguito abbiamo compilato una panoramica dei cambiamenti per voi.

 

Punti essenziali:

Piano di sicurezza e di protezione della salute

Anche la vecchia ordinanza sui lavori di costruzione richiede che i lavori di costruzione siano pianificati in modo tale da ridurre al minimo il rischio di incidenti e malattie professionali o danni alla salute. Nella versione del 2022 ciò deve essere accompagnato da un piano scritto di sicurezza e di protezione della salute (art. 4).

Sole, caldo e freddo

Nel caso di lavori al sole, al caldo e al freddo occorre adottare le misure necessarie per proteggere i lavoratori (art. 37).

Illuminazione

I posti di lavoro e le vie di passaggio devono essere provvisti di un’illuminazione sufficiente (art. 38).

Le altre principali modifiche:

Le principali modifiche nel capitolo 2 dell’OLCostr (tutti lavori di costruzione)

  • Si limitano i lavori su scale portatili (art. 21).
  • È stata eliminata la dicitura «con resistenza limitata alla rottura» (art. 12, 44, 45).
  • Il bordo superiore del corrente principale della protezione laterale deve situarsi ad almeno 100 cm al di sopra della superficie praticabile (art. 22).
  • Per superare dislivelli superiori a 50 cm devono essere utilizzate attrezzature di lavoro adatte (art. 15).
  • Per la posa di elementi prefabbricati per le solette, a partire da un’altezza di caduta superiore a 3 m occorre utilizzare reti di sicurezza o ponteggi di ritenuta su tutta la superficie (art. 27).
  • Nella zona di pericolo dei veicoli da trasporto e delle macchine edili non possono sostare persone. Se non è possibile fare altrimenti, la zona di pericolo deve essere sorvegliata (art. 19).
  • Il datore di lavoro è tenuto a informare i lavoratori interessati in merito al risultato delle perizie realizzate sulle sostanze nocive (art. 32).

 

Le principali modifiche nel capitolo 3 dell’OLCostr (lavori sui tetti)

  • Ai bordi di tutti i tetti devono essere prese misure opportune per evitare le cadute a partire da un’altezza di caduta superiore a 2 m (art. 41). È fatta eccezione per i lavori di esigua entità, per i quali devono essere adottate misure di protezione contro le cadute solo a partire da un’altezza di caduta superiore a 3 m (art. 46).
  • A partire da un’inclinazione del tetto di 30° è necessaria una parete di protezione da copritetto sul ponte da lattoniere del ponteggio di facciata (art. 41 cpv. 2).
  • A partire da un’inclinazione del tetto superiore a 45° sono necessarie ulteriori misure di protezione (art. 41 cpv. 2).
  • Per lavori effettuati su tetti esistenti può essere installata una parete di ritenuta con un’inclinazione massima del tetto di 45° (art. 42).

 

Ci sono anche numerosi altri cambiamenti nel nuovo OLCostr, ma questi sono meno significativi per le aziende BATISEC. Per un elenco completo dei cambiamenti clicca qui (Suva 88320_i).

DE FR IT